Direkt zum Inhalt.

Egregi Genitori,

Vostro figlio si appresta a fare un passo importante della sua vita: frequentare la scuola. Questo significa che arriva un nuovo ambiente, nel quale si deve trovare bene, che inizia nuove relazioni, che diventerà più autonomo e che farà nuove esperienze di apprendimento.

Voi potete fare molto per rendere più facile questo passo. Per fare ciò non c' è bisogno che voi diventiate gli insegnanti di sostegno che continuano, durante il pomeriggio o la sera, l' insegnamento impartito durante la mattina. Voi rimanete, però, adesso come prima, le persone di riferimento più importanti per i Vostri figli: Voi incitate, consolate, fate da mediatori, aiutate e parlate sempre dei successi e degli insuccessi.

Con voi, Vostro figlio non ha imparato soltanto la "sua" lingua, ma è entrato anche in possesso di tutto ciò che egli ora necessita: apertura mentale, curiosità, fiducia in sé e disposizione all' apprendimento...
Accompagnate Vostro figlio, ora, anche lì dove egli vorrà trovare accessi nel mondo del linguaggio scritto, nella scoperta della scrittura, della lettura, del mondo dei libri..

È importante che non lasciate Vostro figlio solo in tutto ciò che egli incontra di novità, soprattutto che l' aiutiate ad imparare il linguaggio nella sua forma orale e scritta: nella nostra società, solo chi sa leggere ha tutte le opportunità per avere una buona formazione, per informarsi chiaramente e per vivere autonomamente. In questo non aiuta nessuna televisione - si deve leggere...

Come potete aiutare Vostro figlio ad imparare a leggere ?

  1. Leggete voi stessi ! Gli esempi sono i migliori insegnanti.
    I ragazzi sono dei buoni osservatori: essi registrano esattamente
    quando e perché si consultano testi, per esempio
    • perché uno ha bisogno di informazioni,
    • perché si vuole sapere qualcosa con esattezza,
    • perché si vuole verificare qualcosa che si è sentito o visto,
    • perché uno ha bisogno di un consiglio ( e non conosce nessuno che l' aiuti in questo !),
    • perché uno vuol conoscere avventure, che non è in grado vivere in prima persona,
    • perché uno ha bisogno di un po' di tempo per se stesso,
  1. Leggete ai Vostri figli: l' ascolto è una via per arrivare a leggere da soli.
    La lettura - presa quasi come un rituale prima di dormire - non deve diventare una lezione di tedesco ! Vostro figlio deve notare solo che ascoltare è bello e che nei libri si nascondono storie belle ed avvincenti.
  1. Regalate ai Vostri figli dei libri: libri illustrati, libri per bambini, libri che trattano materie specifiche...
    Particolarmente sensato è che riusciate, con dei libri appropriati, a rafforzare e ad approfondire interessi particolari dei Vostri figli. Cercate il dialogo con i Vostri figli su esperienze "reali", su esperienze televisive e su esperienze dedotte dai libri...
  1. Vostro figlio incomincia a scuola un corso di lettura - accompagnate in maniera costruttiva questo percorso di apprendimento !
    Può darsi che Vostro figlio impari a leggere "in un' altra maniera", di come voi abbiate imparato a leggere: non disturbate il suo modo di apprendere con un altro metodo, ma lasciateVi leggere quello che egli sa leggere ! Imparare a leggere ha le sue belle difficoltà ( più di quelle che gli adulti immaginino ) e quindi anche i più piccoli progressi hanno bisogno di apprezzamenti...
  1. PrendeteVi tempo - e lasciate tempo ai Vostri figli.
    Non esercitate la lettura con i Vostri figli se siete nervosi e sovreccitati, altrimenti anche loro diventano nervosi e sovreccitati !
  1. Chi deve leggere ha bisogno di tranquillità.
    Non lasciate che la televisione rimanga accesa, quando Vostro figlio intraprende le prime prove di lettura.
  1. Chi deve leggere ha bisogno di un posto, dove egli possa leggere:
    può essere una stanza o può essere anche solo un angolo adatto a poter leggere, con luce a sufficienza e magari con dei mobili adatti.
  1. Chi deve sedere tranquillamente, deve anche muoversi abbastanza.
    Lasciate, per questo, che i Vostri figli si muovano, giochino e facciano dello sport all' aperto.
  1. Procurate stimoli alla lettura.
    La voglia di leggere, viene dal saper leggere: se Vostro figlio, per esempio, ha visto in televisione un film sui sauri o sui dinosauri ed è interessato a questo argomento, procurategli un libro che tratti specificatamente questa materia... Se pianificate un viaggio, procurateVi testi informativi... sfruttate tutte le occasioni !
  1. Andate con i Vostri figli nelle biblioteche e dai rivenditori di libri.
    Uno non può avere a casa tutti i libri di questo mondo, per questo bisogna indicare, già da piccoli, la via per poter arrivare ad avere ogni libro di questo mondo !
  1. E se Vostro figlio ha particolari difficoltà nel leggere ?
    Diversi motivi possono essere alla base del fatto che Vostro figlio non riesca semplicemente ad imparare a leggere: può darsi che non veda bene, può darsi che abbia difficoltà nel distinguere le lettere dell' alfabeto, può darsi che non riesca a concentrarsi... Ci sono parecchi disturbi, che per la maggior parte si riescono ad eliminare. Parlatene prima con gli insegnanti: sono sicura che la scuola può aiutarVi anche nei problemi più particolari o almeno consigliarVi chi lo può fare.

Saper leggere è qualcosa di più del semplice sillabare o del riconoscere le parole. Saper leggere è l' accesso al sapere, alla cultura ed alla formazione. Accompagnate, assieme alla scuola, Vostro figlio su questa strada !
Con l' occasione auguro ai Vostri figli ed a voi stessi molto piacere e successo.

Cordiali saluti.

Doris Ahnen